Il sistema di istruzione così come progettato, ha costruito le sue fondamenta sull’imperativo economico e sul modello cognitivo illuminista, secondo cui l’intelligenza è basata sul ragionamento deduttivo e sulla conoscenza dei classici, sviluppando così un’abilità di tipo accademico. È all’interno di questo paradigma che si colloca la tendenza dell’istruzione pubblica a dividere gli allievi in due categorie ben distinte: accademico e non accademico, intelligente e non intelligente.

E’ questo il tema illustrato da Maria Forina, docente e formatrice al seminario di fine maggio 2017 tenutosi nella sede di Uniba, all’ex Palazzo delle Poste, a Bari dalla Rete “Alto Potenziale”.

LE SLIDE  Cambiare il paradigma dell’educazione

Print Friendly, PDF & Email