di Michele Quercia

Durante la crescita, l’uomo sviluppa due dentizioni. La prima in ordine temporale è rappresentata dai denti da latte, o decidui, successivamente compariranno i denti permanenti.

Esiste uno schema che descrive quando e come spunteranno i primi dentini nel nostro bambino, tuttavia non deve essere considerato come una regola precisa perché riporta solo i tempi medi dell’eruzione dentale.

I denti decidui, sono 20 in tutto e fanno la loro comparsa a partire dal sesto mese di vita circa, completandosi intorno ai ventiquattro mesi. Sono denti più piccoli di quelli che costituiranno la dentatura permanente e inizieranno a cadere intorno al sesto anno del bambino. La loro funzione è quella di preparare la bocca del piccolo per accogliere i denti definitivi, predisponendo già da ora gli spazi e la distanza tra l’uno e l’altro.

Il primo dentino in assoluto a spuntare è quasi sempre uno dei due incisivi inferiori, seguito a brevissima distanza dal suo gemello.

Ecco lo schema riassuntivo dell’eruzione decidua nelle due arcate dentali:

incisivi centrali inferiori: 6/10 mesi
– incisivi centrali superiori: 8/12 mesi
– incisivi laterali inferiori: 10/16 mesi
– incisivi laterali superiori: 9/13 mesi

primi molari inferiori: 14/18 mesi
– primi molari superiori: 13/19 mesi

canini inferiori: 17/23 mesi
– canini superiori: 16/22 mesi

secondi molari inferiori: 23/31 mesi
– secondi molari superiori: 25/33 mesi

Nella maggior parte dei casi la nascita di un nuovo dentino è accompagnata da tutta una serie di disturbi che rendono il neonato irritabile e anche la vita dei genitori, soprattutto quella notturna, può risentirne.

Per alleviare i fastidi  si possono utilizzare giocattoli in gomma ruvida contenenti liquido refrigerante da tenere in frigo o freezer e dare al bambino da ‘mordicchiare’: l’effetto anestetico del freddo, unito al massaggio esercitato dalla superficie ruvida, aiutano a ‘distrarre’ il bambino dalla sensazione fastidiosa.

Un’alternativa sono pomate o gel solitamente a base di miele (Miele rosato) che  possono dar sollievo grazie al sapore dolce, ma la loro efficacia non è elevata; oppure a base di anestetici locali. Ultima ratio, se tutto ciò non dovesse servire e sempre dopo consulto con il pediatra, si potrebbe ricorrere ad analgesici per via generale.

L’eruzione dei denti permanenti inizia intorno ai 6 anni con lo spuntare in cavità orale del primo molare.

Il primo molare è il primo dente permanente, che non prende il posto di nessun dente da latte ma si posiziona in fondo all’arcata. Questo dente risulta di particolare importanza per tutta la dentizione permanente in quanto “gestisce” le operazioni di permuta, guidando al proprio posto gli altri denti permanenti che cominciano ad erompere in cavità orale.

Dopo i 6 anni infatti, la radice dei denti da latte comincia a consumarsi e a riassorbirsi, spinta via dai denti permanenti sottostanti.

Fra i 6 e i 7 anni vengono cambiati gli incisivi centrali, seguiti, dopo un breve intervallo, da quelli laterali.

Questa dentatura mista, ossia con denti da latte e permanenti, rimane solitamente fino ai 12 anni:tra i 9 e gli 11 anni i canini decidui vengono sostituiti da quelli permanenti, mentre tra i 10 e gli 11 anni, i primi molari da latte vengono sostituiti dai premolari.

Intorno agli 11-12 anni i secondi molari da latte vengono sostituiti dai secondi premolari permanenti.

Infine, a 12-13 anni completano la dentizione definitiva i secondi molari permanenti che, come i primi, non rimpiazzano alcun dente deciduo.

I denti del giudizio (terzi molari permanenti) non sono presenti in tutte le persone e la loro eruzione avviene in un’età variabile, solitamente dopo i 17 anni.

Alla fine la dentatura definitiva sarà costituita da 32 denti così distribuiti per ciascuna arcata:

• 2 incisivi centrali
• 2 incisivi laterali
• 2 canini
• 4 premolari
• 6 molari

 I tempi di eruzione dei denti possono variare notevolmente da una persona all’altra.

Placca, carie, l’importanza del fluoro e dell’igiene orale saranno gli argomenti che tratterò nel prossimo appuntamento con Cittadeimbi.it!

A presto


Print Friendly, PDF & Email